Now Reading
8 Gioiellerie Green e Luxury
English Deutsch Italiano Español

8 Gioiellerie Green e Luxury

Sin dall’antichità gli esseri umani usavano adornarsi con conchiglie, pietre ed ambra. Successivamente, la scoperta di nuovi metodi di lavorazione del rame e del bronzo è stata utilizzata non solo per produrre asce e accette, ma anche per anelli e monili. La gioielleria è stata per lungo tempo caratterizzata da un sistema simbolico non verbale, il cui carattere distintivo ha permesso ai gruppi sociali, territoriali e religiosi di differenziarsi anche visivamente.

Tutto questo vale ancora oggi, perché i gioielli esprimono sempre qualcosa di chi li indossa. Un raffinato anello in diamanti è ancora sinonimo di estrema eleganza e qualità, orecchini eccentrici simboleggiano una forte personalità e gioielli più geometrici esprimono pragmaticità.

Tutti amano i gioielli, tutti li indossano: ma quante volte ci fermiamo a riflettere sull’impatto ambientale della loro produzione? Oggi sappiamo che questa industria, che vale 300 miliardi di dollari, comporta gravi danni per la società e per l’ambiente. I gioielli sono abitualmente prodotti utilizzando metalli e pietre preziose: oro, argento, diamanti e molti altri materiali nobili che spesso provengono da zone di guerra in tutto il mondo. Il processo di estrazione ha gravi conseguenze sull’ambiente. Le ripercussioni sull’ecosistema, la perdita di biodiversità, lo sfruttamento del suolo, la scarsità d’acqua e l’impatto sociale sono senza dubbio il lato oscuro di queste magnifiche creazioni.

È per questo che siamo felici di vedere come giovani designer e rinomate case di gioielleria si stiano avvicinando a nuove soluzioni in termini di produzione. La buona notizia è che si possono realizzare con successo prodotti di alto artigianato combinando la tecnologia più avanzata con i materiali più pregiati, senza perdere in qualità. Al contrario, grazie all’utilizzo di materie prime riciclate, di gemme coltivate in laboratorio e all’impegno di grandi marchi (non ultimo Cartier, che ha deciso di affrontare attivamente il problema dei conflitti legati al traffico di diamanti) stanno cambiando non solo le nostre possibilità di scelta, ma anche le nostre aspirazioni.

Abbiamo scelto otto brand che non solo creano pezzi unici, ma coniugano, con il loro lavoro, qualità, artigianalità ed etica. Un elenco perfetto per chi sta cercando un regalo per un’occasione speciale che racchiuda in sé anche un approccio sostenibile.

Quite Quite Gioielli
Foto: Quite Quiet

Quite QuietTransitions Collier No.3 

Johanna Schoemaker orafa e Jonas Buck designer, combinano artigianato tradizionale e moderne tecniche di produzione oltre a un approccio olistico al design. Bellezza e lusso si manifestano concretamente quando tutti le caratteristiche di un prodotto sono curate nel minimo dettaglio.

Il Collier No.3 di Quite Quiet ci ricorda la disco nello Studio 54, realizzato in oro Fairtrade certificato e tracciabile, ad ogni estremità ha un Aqua Spinel coltivato da Chatham di circa 2.3C – pietra che si trova raramente in natura ma che cresce perfettamente in laboratorio dando vita a cristalli dal blu perfetto. Il taglio ne determina poi chiarezza e brillantezza. Il brand berlinese quindi conosce bene il mestiere. I loro pezzi sono audaci ma possono essere indossati senza problemi. Progettazione chiara, materiali equosolidali e produzione sostenibile ne fanno un vero e proprio progetto etico.

Instagram

Panthere de Cartier Ring - Gioielli
Foto: Cartier

CartierPanthère de Cartier Ring 

Un classico della gioielleria e protagonista di tante storie che ruotano intorno al romanticismo e alla classe: Cartier è uno dei marchi che non ha bisogno di presentazioni. Eleganza senza tempo e sensibilità allo stile, ha stregato reali, dive di Hollywood e amanti dell’eleganza classica. L’anello Panthère de Cartier, in oro rosa 18k con incastonati granati tsavorite, è uno dei pezzi più importanti. La leggendaria pantera fa parte delle collezioni Cartier dal 1914. Louis Cartier è stato il primo a domare il leggendario felino, cui la sua collega Jeanne Toussaint si è ripetutamente ispirata facendolo diventare animale iconico della maison.

Da allora, la pantera si è rivelata con sempre nuove sfaccettature nelle diverse collezioni: una volta cacciatrice, poi giocosa o affettuosa. Un anello così dovrebbe essere sempre nella lista dei desideri di una donna. Cartier, fortemente impegnata sul tema della responsabilità aziendale, cerca di dare il buon esempio, schierandosi in prima linea nella lotta contro i traffici di diamanti che generano conflitti. I gioielli non sono solo belli, ma anche preziosi e importanti: come le persone di questo pianeta che andranno ad indossarle.

Instagram

Foto: Boltenstern

BoltensternAffinity Bracelet

Cresciuta nel laboratorio orafo del padre, l’architetto Marie Boltenstern ha scelto di seguire le orme paterne portando come sua impronta personale l’amore per le nuove tecnologie e i materiali riciclabili. Diventa così la prima designer al mondo ad utilizzare il linguaggio della programmazione e la progettazione computerizzata con stampa in 3D per realizzare gioielli esclusivi con diversi materiali riciclati, come la polvere d’oro 18k. I suoi pezzi combinano la tecnologia con la matematica e lo stile architettonico, rimodellando di fatto il futuro della gioielleria. Divertenti, versatili e impossibili da ricreare a mano.

Il bracciale Affinity in oro rosa 18k, ad esempio, è composto da una maglia dal disegno a squame che scorrono fluide intorno al polso e, quasi come le squame di un pesce, riflettono delicatamente la luce in tutte le direzioni. Elegante e prezioso, unico. Il futuro è d’oro.

Instagram

Foto: Emma Aitchison

Emma AitchisonPolluted Bangle

La filosofia di Emma Aitchison si basa fondamentalmente sulla sostenibilità. La designer usa il più possibile metalli e pietre preziose riciclati 100%, tutti i materiali vengono riutilizzati e l’elettricità proviene da fonti di energia verde. Attenta all’intera filiera: dall’ingrosso ai fornitori locali che garantiscono l’equità salariale. La confezione è realizzata con materiale riciclato, riutilizzabile, certificata FSC e plastic free.

L’eco-compatibilità, la sostenibilità e l’onestà sono requisiti di grande importanza per la designer britannica. Lo si percepisce in ogni creazione, come nel caso di Polluted Bangle, composto da tre braccialetti collegati da connettori corrugati. Ogni bracciale è realizzato a mano per dare l’effetto del movimento dell’oceano. Una forma d’ispirazione naturale e divertente a decorare il polso. E se ciò non bastasse, il 5% dei proventi delle vendite va all’organizzazione per i diritti umani Survival International, che sostiene la lotta per preservare la terra e assicurare la sussistenza per i popoli indigeni di tutto il mondo. Fare più di così è impossibile.

Instagram

Bar Jewellery
Foto: Bar Jewellery

Bar Jewellery – Alphabet Collection Necklace

Bar Jewellery nasce dalla convinzione che i gioielli possano essere sia di appeal che sostenibili. Ogni prodotto nasce nell’atelier di East London ed è realizzato con la tecnica della cera scolpita o modellata manualmente per dare forma al metallo.

Tutti i gioielli così come la confezione, sono realizzati con materiali totalmente riciclati, che vengono riutilizzati ogni volta in un sistema circolare tra fornitore e designer. Il laboratorio ricava il materiale da scarti di produzioni locali, nonché da gioielli usati, monete e oggetti rotti o scartati. Anche i rifiuti elettronici e le parti di ricambio per auto acquistano nuova vita. Bar Jewellery spesso lavora con l’ottone, che è un materiale altamente sostenibile. La collezione di girocolli Alphabet è particolarmente bella: le lettere scolpite in cera premodellata hanno un’estetica molto particolare, fluida e morbida, che le distingue dagli altri ciondoli con lettera.

Instagram

Casey Fuchs Ring - Gioielli
Foto: Casey Fuchs

Casey FuchsThe Classic Signet Ring 925 Silver

L’anello con sigillo, realizzato a mano in argento sterling 925 in finitura liscia, è una grande classico. Chi lo indossa sembra quasi sentirne l’energia e offre sempre la possibilità di far incidere sulla superficie qualsiasi emblema. Proprio la sua superficie neutra ne fa un anello così speciale. Ognuno di noi può avere il suo piccolo regno!  Questo vale per Casey stesso, autodidatta e non orafo professionista. Ha imparato tutto da solo, creando ogni pezzo a mano con metodi tradizionali come i modelli in cera e la colata in sabbia. La sua massima aspirazione è creare un pezzo che abbia carattere. Una filosofia forte che incontra un design d’impatto.

Instagram

Rubinia Ring - Gioielli
Foto: Rubinia

RubiniaRing Filodellavita Classic

In Rubinia Gioielli il nome dice tutto. I disegni di Roberto Ricci, fondatore e direttore creativo, ‘’sarto di gioielli’’, sono inconfondibilmente italiani, moderni e romantici. La creatività e l’unicità che caratterizzano i gioielli Rubinia riflettono l’impegno e la cura del laboratorio non solo per le donne che indosseranno le sue creazioni, ma per l’intera comunità, con particolare attenzione ad iniziative che supportino le persone meno fortunate, tutelino l’ambiente e promuovano la vita.

Con la collezione Filodellavita Classic nasce un anello che parla di vita e che, come essa, è straordinario ed unico. Da sette a 22 fili in oro giallo, oro rosa o argento, si avvolgono l’uno nell’altro, strato per strato, creando un gioiello sensazionale. Come due persone che si uniscono e fondono le loro vite, questo anello è l’ultima storia d’amore raccontata da Rubinia che, su richiesta, può personalizzarlo aggiungendo una fascia di diamanti taglio brillante o un’incisione sul lato interno. La versione in argento sterling 925 arricchito con palladio o platino, colpisce invece per la sua semplicità e per il dettaglio di 16 diamanti marroni e neri da 0,21c. Sobrio, ma certamente d’effetto.

Instagram

Wald Berlin Earrings - Gioielli
Foto: WALD Berlin

WALD Berlin Smilie Dude Earring Set

Wald Berlin si è guadagnato la sua notorietà come pioniere dell’utilizzo delle conchiglie nel design dei gioielli: creano accostamenti giocosi e richiamano alla mente di chi le indossa la spiaggia o il mare. Dana Roski e Joyce Binneböse, donne volitive, colgono ed esprimono bene lo spirito del tempo. Sempre un passo avanti, troverete in aggiunta alle loro produzioni – che un tempo facevano loro stesse da sole – un orgoglioso “fatto a mano in Germania dal nostro collettivo femminile Fairtrade, perché ci interessa dove e chi produce la nostra collezione”. 

Gli orecchini Smile Dude fanno sorridere non solo chi li indossa, ma anche i suoi creatori. Anelli in argento placcati in oro 18k, perle di acqua dolce e vetro. Attenzione, danno dipendenza.

Instagram

 

I gioielli da noi selezionati, risplenderanno ancora di più su una bella mano o su un decolleté molto curato. Leggete qui i 6 migliori prodotti per la cura della pelle che abbiamo scelto per voi. La pelle ha bisogno di più attenzione, soprattutto in inverno, perché alla fine siamo noi a indossare i gioielli, non il contrario.

 

Leggi anche:

Testo: Esther Seibt

I nostri contenuti potrebbero contenere link di affiliazione, che non vi comporteranno alcun costo ma ci aiuteranno a sostenere le spese di produzione. Tuttavia, questo non influisce in alcun modo sulle nostre recensioni o liste. Inoltre, ci impegniamo nel mantenere i contenuti equi ed equilibrati, al fine di aiutarvi a fare la scelta migliore.

© 2020 NOBLE&STYLE Media GmbH. All Rights Reserved.

Scroll To Top