Now Reading
Luesma&Vega: i designer dietro i piatti dei migliori ristoranti del mondo
English Deutsch Italiano Español

Luesma&Vega: i designer dietro i piatti dei migliori ristoranti del mondo

Per il dinamico duo formato da Retrato de Ester Luesma e Xavier Vega, la buona tavola e l'alta cucina sono molto di più di ciò che viene servito nel piatto: per loro tutto inizia… dalle stoviglie!

Utilizzando le loro abilità artigianali per realizzare a mano pezzi unici per la tavola, creano infatti piatti, ciotole e contenitori in vetro, legno e acciaio inossidabile.

Adattando le loro creazioni alle richieste di famosi ristoranti e chef come El Bulli, Paco Pérez, Michael O`Hare e Hideki Matshisa, la loro interpretazione contemporanea del vasellame per la tavola è ora rinomata in tutto il mondo e considerata tra le più ricercate in Europa.

Abbiamo incontrato Luesma&Vega che ci hanno raccontato della loro formazione ma anche della grande passione che li guida e del successo raggiunto.

Luesma&Vega
Xavier Vega ed Ester Luesma con le loro creazioni

Ciao e grazie a entrambi per aver trovato il tempo per la nostra intervista.
Iniziamo! Lavorate insieme dal 1991. Come vi siete conosciuti?

Ci siamo conosciuti alla scuola d'arte Massana di Barcellona.

 

Vi distinguete per la produzione di stoviglie fatte a mano per i migliori ristoranti di alta cucina al mondo.
Quando avete deciso di dedicarvi a questa nicchia? È stata una vostra idea o magari la richiesta di un cliente?

Sebbene avessimo mostrato interesse per il design e la produzione di pezzi unici per la tavola, è stato solo quando abbiamo incontrato il team del ristorante di Ferran Adrià, El Bulli e, grazie a Luki Huber, il designer che ha collaborato con il ristorante per la creazione delle loro stoviglie, nel 2003, che abbiamo avuto la fortuna di iniziare il nostro viaggio con il miglior ristorante del mondo e di imparare tutto quello che potevamo sull'alta cucina.

Skitx Collezione

Come ci si sente a sapere che le vostre creazioni sono presenti in diversi paesi del mondo?

Ci sentiamo molto orgogliosi e onorati di questo riconoscimento.

 

Le vostre creazioni sono davvero straordinarie, originali ed uniche. Dove avete imparato questo mestiere e dove trovate l'ispirazione?

Abbiamo entrambi studiato arte e ci siamo laureati in design e gestione aziendale. Ma ciò che ci distingue dagli altri laboratori è lo sviluppo delle nostre tecniche grazie ad anni di ricerca. Se c'è qualcosa che ci ispira, è qualsiasi manifestazione della natura. Tutto, assolutamente tutto quello che conosciamo è lì, bisogna solo saper guardare.

 


Qual è il processo di lavoro con i clienti? Che tipo di briefing e quali input creativi riceverete di solito? 

Ci sono due modi: i clienti che acquistano pezzi dal nostro catalogo e magari hanno bisogno di personalizzare e cambiare la dimensione o un dettaglio, e i clienti che vogliono sviluppare un modello o una collezione. In questo secondo caso il lavoro è molto più complesso. Partiamo da un briefing che contiene sia aspetti tecnici che comunicativi: gli articoli per la tavola comunicano anche le intenzioni, la filosofia dello chef e della sua casa.

 

Tra tutte le creazioni che avete realizzato, qual è stata la più impegnativa?

Senza dubbio tutto il lavoro svolto per il ristorante El Bulli. Per molte ragioni, tra cui il fatto che stavamo imparando a conoscere l'alta cucina e ciò che rappresentano le stoviglie per loro, oltre all'enorme responsabilità di lavorare per il miglior ristorante del mondo.

Luesma&Vega
Ester Luesma al lavoro

Si dice che tutti i bambini siano amati allo stesso modo, ma c'è sempre un preferito 🙂

Ci piacciono tutti i nostri pezzi, alcuni meno, altri di più, anche se è difficile avere una preferenza netta. Detto questo, alcuni hanno un significato importante per noi. Se dovessimo sceglierne uno, sarebbe la nostra serie delle ninfee. Si è trattato di un'innovazione nella nostra tecnica di termo formatura del vetro e questa serie ha vinto il premio internazionale Bullseye Emerge nella categoria design.

 

Quando parliamo di servizi da tavola, pensiamo automaticamente alla porcellana. Qual è il vostro materiale preferito e perché?

È vero, i servizi da tavola sono associati generalmente alla ceramica e in particolare alla porcellana, che è una ceramica molto dura ma allo stesso tempo delicata e straordinariamente raffinata. Noi lavoriamo con il vetro. Sebbene il vetro sia associato alla trasparenza, noi utilizziamo un vetro opalino che non lascia passare la luce: i pezzi sembrano di ceramica quando non lo sono. Il vetro ha molti vantaggi e straordinarie proprietà di lavorazione che sono ancora in fase di sviluppo. Siamo specializzati in questo materiale per questo motivo e per le possibilità creative che offre.

Ciotole per Dabiz Muñoz, Ristorante DiverXo

Raccontateci qualcosa del processo di produzione. È tutto fatto a mano? 

Tutto viene fatto rigorosamente a mano, i pezzi sono realizzati uno per uno. Utilizziamo solo macchinari che vengono usati manualmente, come una levigatrice, un trapano o una pistola a spruzzo. Il vetro ci arriva in forme diverse, come lastre, tubi, grani, polvere e attraverso diversi processi come il taglio, la lucidatura, la testurizzazione, la termo formatura, la satinatura, ecc. diamo forma ai diversi modelli e collezioni. Alcuni pezzi possono passare in forno fino a 7 volte fino a raggiungere l'effetto desiderato.

 

Quanti pezzi producete in media all'anno?

Abbiamo perso il conto ma crediamo si tratti di qualche migliaio di pezzi. Siamo in 6 nel laboratorio, di cui 4 in produzione.

 

Infine, chiediamo sempre ai nostri ospiti: qual è la vostra città preferita e quali sono 5 posti che consigliereste?

Che domanda difficile!!!
Una città speciale per noi è senza dubbio Venezia.

In particolare consigliamo:

  • una bella passeggiata in Piazza San Marco e dintorni;
  • un giro alla Biennale di Venezia, visitando tutti i padiglioni e le mostre;
  • un'esperienza molto bella è partecipare alla mostra di alto artigianato HomoFaber, che si tiene sull'isola di San Giorgio Maggiore. L’isola stessa merita di essere vista, con il Teatro Verde e la magnifica Basilica…
  • Una visita dell'isola di Murano e delle botteghe del vetro;
  • una passeggiata tra i mercati della città, come il Mercatino dei Miracoli.

 

Grazie mille, è stato un piacere!

 

Website Luesma&Vega

 

Leggi di più:

Last Updated on Dicembre 7, 2023 by Editorial Team

I nostri contenuti potrebbero contenere link di affiliazione, che non vi comporteranno alcun costo ma ci aiuteranno a sostenere le spese di produzione. Tuttavia, questo non influisce in alcun modo sulle nostre recensioni o liste. Inoltre, ci impegniamo nel mantenere i contenuti equi ed equilibrati, al fine di aiutarvi a fare la scelta migliore.

© 2020 NOBLE&STYLE Media GmbH. All Rights Reserved.

Scroll To Top
error: Content is protected !!