Now Reading
Espresso Martini: Un Drink Londinese Diventato Un Cult in Tutto IL Mondo
English Deutsch Italiano Español

Espresso Martini: Un Drink Londinese Diventato Un Cult in Tutto IL Mondo

Passeggiare per le strade di Londra nei primi anni '80 non era esattamente come trovarsi nel vertiginoso labirinto di ristoranti, club e bar di tendenza di oggi. Anche nei suoi quartieri più cool, la capitale inglese era in cerca di nuovi stimoli ed energia. Poi, come in tutte le migliori favole, è arrivato l’eroe perfetto: proprio lui, l’iconico Espresso Martini.

Avvolgente, invitante e con la sua crema ricca e vellutata, l'Espresso Martini ha dato nuova linfa alla cultura dei cocktail londinesi e alla scena dei club dell'ormai iconica Soho. Il drink preferito da ogni giovane artista britannico e una vera stella che ha catturato l’attenzione globale. Frivolo ma sofisticato, alcolico ma dolce: la caffeina e gli alcolici si sono dimostrati un'accoppiata vincente, e fin dalla sua nascita l'Espresso Martini è stato un must nella lista di ogni mixologist di successo.

Ma come è nata questa creazione, proprio quando Londra ne aveva più bisogno? Scopri la vera storia dell’Espresso Martini e una ricetta per farlo a casa tua.

Soho, Londra: il luogo dove è nato l'espresso martini.

La storia dell’Espresso Martini

La storia delle origini dell'Espresso Martini viene direttamente dalla bocca del suo creatore, il barista londinese Dick Bradsell, conosciuto oggi dai suoi devoti seguaci come “The King of Cocktails”. Una sera del 1983, Dick stava lavorando al bar della Soho Brasserie di Londra, quando una modella, che sarebbe poi diventata famosa, si avvicinò e chiese un drink che la “svegliasse”. 

Accanto al bar c'era una macchina per il caffè espresso. Non solo la caffeina era la soluzione più ovvia per soddisfare quella richiesta, ma Dick in quel momento pensò proprio alla macchina lì accanto. La vodka era in quel periodo l’alcolico più in voga e l'abbinamento venne dunque abbastanza naturale. La miscela originale dell'Espresso Martini prese così forma: vodka, sciroppo di zucchero, due tipi di liquore al caffè ed espresso appena versato.

Espresso Martini
Espresso Martini

Dick chiamò il suo nuovo drink Vodka Espresso, e fu soltanto nel decennio successivo che il nome Espresso Martini prese piede. Dato che Dick era già una celebrità sulla scena dei cocktail londinese, negli anni '80 la sua invenzione guadagnò rapidamente popolarità, ma gli anni '90 inaugurarono una nuova era. Improvvisamente tutti ordinavano cocktail a base di vodka, in quel caratteristico bicchiere a forma di V, aromatizzati alla frutta fresca – anguria, mela o altro. Nonostante la mancanza degli ingredienti essenziali del gin o del vermouth, tutti questi cocktail rientravano piuttosto casualmente nella categoria “Martini” e così, per stare al passo coi tempi, Dick ribattezzò la sua creazione “Espresso Martini”.

Quando Dick si trasferì al Pharmacy Bar a Notting Hill nel 1998, al famoso cocktail fu dato ancora una volta un nuovo nome, il “Pharmaceutical Stimulant”, questa volta servito con ghiaccio e con una leggera variazione negli ingredienti per adattarsi ai gusti moderni. A questo punto, tuttavia, la ricetta originale aveva preso una vita propria, poiché l'Espresso Martini era diventato famoso a Londra, come protagonista della vita notturna. Avendo rinvigorito lo spirito della città con i suoi cocktail, Dick Bradsell ha continuato a fare da mentore e a influenzare diversi bartender di Londra direttamente dal suo locale, il Dick's Bar.

Oggi, l'Espresso Martini ha ispirato innumerevoli interpretazioni e la storia di Dick è entrata nella leggenda, con l'identità di quella “top model” che rimane ancora oggi un mistero (era Naomi Campbell? Kate Moss?)… Oltre a preservare la sua popolarità in tutta Europa, è diventato il cocktail più venduto anche in Australia, terra in cui il caffè è molto amato, e ogni anno a Londra si tiene un festival di cinque giorni dedicato proprio all’Espresso Martini.

Soho, London

La ricetta classica dell’Espresso Martini

Ecco di cosa avrai bisogno per creare il classico drink di Dick Bradsell: 

  • 40ml di vodka
  • 20ml di liquore al caffè 
  • 25ml di espresso fresco
  • 5ml di sciroppo di zucchero (questo è facoltativo, dipende dalle tue preferenze)

Nella preparazione di un Espresso Martini, bisogna rispettare la regola d'oro: crema, crema e crema! Assicurati che il tuo espresso sia ben fatto e ben agitato nel frullatore per creare quella consistenza setosa che lo caratterizza. 

Aggiungi tutti gli ingredienti in uno shaker, riempilo di cubetti di ghiaccio e dagli una bella scossa fino a quando non si sarà raffreddato a dovere. Filtra la miscela nel tuo miglior bicchiere da cocktail. Per guarnire, puoi andare sul tradizionale con tre chicchi di espresso (originariamente intesi a rappresentare salute, ricchezza e felicità) o stravolgi un po' le cose con l’aggiunta di scaglie di cocco, ciliegie o una scorza di limone.

Ora sei pronto per preparare il tuo drink, metti un po’ di musica e goditi il tuo Espresso Martini fatto in casa. Cin cin!

 

Leggi anche:

I nostri contenuti potrebbero contenere link di affiliazione, che non vi comporteranno alcun costo ma ci aiuteranno a sostenere le spese di produzione. Tuttavia, questo non influisce in alcun modo sulle nostre recensioni o liste. Inoltre, ci impegniamo nel mantenere i contenuti equi ed equilibrati, al fine di aiutarvi a fare la scelta migliore.

© 2020 NOBLE&STYLE Media GmbH. All Rights Reserved.

Scroll To Top